Bcc: Fraccaro, riforma da abolire o da riscrivere a fondo

La riforma del credito cooperativo del governo Renzi è "da abolire o quantomeno da riscrivere a fondo". A sostenerlo è il ministro per i rapporti con il Parlamento e la democrazia diretta, Riccardo Fraccaro, che ne scrive sul quotidiano locale 'Corriere del Trentino', col consigliere provinciale M5s di Bolzano Paul Köllensperger. "Il decreto - affermano - ha costretto le banche di credito cooperativo a trasformarsi in spa o a sottomettersi a una capogruppo - sempre società per azioni - che esercita invasivi poteri di controllo su tutte le aderenti. È una riforma che impatterebbe significativamente sulle numerose piccole banche del nostro Paese e di conseguenza sui loro tipici clienti, le famiglie e le piccole e medie imprese". "L'accesso al credito per le pmi e le famiglie - proseguono - diverrebbe verosimilmente più difficile. La concentrazione e la conseguente chiusura di molte filiali farà perdere posti di lavoro. Il controllo sul credito cooperativo passa da Bankitalia alla Bce". (ANSA).

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie

Notizie più lette

  1. La Voce del trentino
  2. L'Adige

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Tre Ville

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...